L'iniziativa

“La città bambina: progetti e desideri di oggi per la città di domani”, le scuole ruvesi incontrano l’Amministrazione comunale

bambini; spazio aperto; sole
Bambini in piazza Matteotti nella Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia e Adolescenza 2021 © Comune di Ruvo di Puglia
Venerdì 27 maggio, alle 9.30 nel Nuovo Teatro Comunale di Ruvo di Puglia. Saranno date risposte ai quesiti, alle proposte fatte dagli studenti di tutte le scuole ruvesi all'Amministrazione lo scorso 20 novembre, in piazza Matteotti
scrivi un commento 121

Alunni e studenti propongono, Sindaco e Giunta rispondono. Un confronto serio e approfondito su idee e richieste precise per la città: questo sarà “La città bambina: progetti e desideri di oggi per la città di domani”, l’appuntamento in programma per venerdì 27 maggio, alle 9.30 nel Nuovo Teatro Comunale di Ruvo di Puglia.

Nel giorno del 31esimo anniversario dalla ratifica italiana della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, Giunta e Sindaco di Ruvo di Puglia incontreranno le delegazioni di alcune classi delle scuole elementari e media, del Liceo Scientifico Tedone, dell’Istituto Tecnico Tannoia e del Ciofs per dare risposte e riscontri a proposte, richieste e progetti arrivati in Municipio dalle scuole cittadine.

L’incontro, organizzato dell’Assessorato alle Politiche di Comunità nell’ambito della rassegna “Era di maggio – la scuola e il territorio”, nasce come momento di restituzione dopo incontro pubblico in Piazza Matteotti dello scorso 20 novembre in occasione della Giornata dei Diritti dell’Infanzia e Adolescenza del 2021, quando le proposte degli alunni e degli studenti  delle scuole ruvesi furono formalmente consegnate al Sindaco e all’Amministrazione appena insediata.

Dopo un accurato esame, Sindaco e Giunta, ognuno per la propria delega, affronteranno i dossier proposti in maniera dettagliata spiegando ciò che è stato fatto, i progetti in cantiere e, in grande trasparenza, anche quello che non sarà possibile realizzare motivandone le ragioni. «Siamo particolarmente impazienti – ha detto il sindaco Pasquale Chieco – per questa che consideriamo una straordinaria occasione di confronto con quella che con una bella definizione l’assessora Filograno ha voluto chiamare la “città bambina”, ovvero quella parte di città che più di tutte ha titolo per chiedere conto del nostro operato e per interrogarci sulle nostre intenzioni per il futuro, su quel tempo che a loro di più interessa e che a noi di più sta a cuore. Non sarà solo un incontro di partecipazione, ma anche un momento di formazione e di crescita politica. Per loro e per noi».

giovedì 26 Maggio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti