Politica

Rifondazione Comunista ricorda il partigiano ruvese Saverio De Palo

La Redazione
Saverio De Palo è onorato, insieme ai partigiani Domenico De Palo e Vincenzo Ficco, nella lapide apposta sul Municipio. Ma i partigiani ruvesi sono circa un centinaio
scrivi un commento 291

Oggi ricorre il 77esimo anniversario della morte del partigiano ruvese Saverio De Palo che la sezione ruvese del Partito di Rifondazione Comunista ha voluto onorare con una commemorazione.

«Questa mattina – scrivono dal Partito – abbiamo voluto onorare e ricordare la figura del partigiano ruvese Saverio De Palo, apponendo dei fiori e un cartello commemorativo nella via a lui intitolata, nonché via nella quale nacque. Saverio De Palo è forse il più noto partigiano ruvese, ricordato insieme a Domenico De Palo e Vincenzo Ficco nella lapide apposta sul Municipio. Ma i partigiani ruvesi sono molti di più, circa un centinaio, storie sepolte nella memoria pubblica, dimenticate o tenute nascoste dagli stessi protagonisti. Saverio De Palo fu contadino e operaio, crebbe respirando il clima di fortissima tensione politica che attraversava Ruvo. Durante il ventennio fascista pagò con il carcere la sua attività da comunista. Una volta libero, come tanti ruvesi, emigrò a Genova. Dopo i fatti dell'8 settembre 1943, De Palo fu al centro della costituzione del movimento partigiano a Genova e, successivamente, organizzatore delle prime Brigate partigiane sull'Appennino ligure-piemontese. Scampò all'eccidio della Benedicta ma gli fu fatale una rischiosissima missione di attraversamento delle linee nemiche nell'Alessandrino. In questo frangente, fu catturato dai nazisti e sottoposto a lunghe torture. Il 20 dicembre 1944 fu fucilato nei pressi di Dova Superiore. Oggi riposa nel cimitero dei Partigiani di Genova». 

lunedì 20 Dicembre 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Calimero nero
Calimero nero
6 mesi fa

Ottima iniziativa da parte di Rifondazione ruvese.
Grazie per riportare alla memoria gesta di uomini e donne che hanno lottato contro i totalitarismi per delle società di pace basate sullo stato di diritto.