Attualità

Coldiretti Bari-Bat: sottoscritto contratto operai agricoli e florovivaisti

La Redazione
​È stato concordato un aumento del 2% (a fronte del 4% inizialmente richiesto), da applicarsi in due tranche nel 2021 e nel 2022. È stata approvata una piattaforma utile a favorire una migliore stabilizzazione occupazionale
scrivi un commento 273

Dopo oltre 18 mesi di trattive è stato sottoscritto il nuovo Contratto Provinciale di Lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti di Bari e BAT che scadrà il 31 dicembre 2023,  rendendo di fatto strutturale l’impianto economico e normativo previsto dalla precedente “fase sperimentale” senza alcun vincolo a carico delle aziende agricole assuntrici di manodopera. Lo rende noto la Coldiretti Bari – BAT nel sottolineare che il rinnovo ha rappresentato un passo difficile e coraggioso in tempo di crisi causati dall’emergenza Covid sull’economia e sul lavoro.

«Il rinnovo del contratto di lavoro va letto in una chiave innovativa perché, oltre a fissare parametri chiari e applicabili, apre a un percorso di trasparenza dei rapporti tra imprese agricole e lavoratori nelle due province di Bari e BAT. È stata approvata una piattaforma utile a favorire una migliore stabilizzazione occupazionale. Lo sforzo profuso in sede di trattativa al fine di creare i necessari spazi di rinnovamento e semplificazione,  oltre ad aver avuto esito positivo, risulta favorevole a un allineamento alle effettive necessità delle imprese e dei lavoratori. Sono state in parte disciolte le criticità insidiose, per creare un clima più favorevole sia per gli imprenditori agricoli che per gli operai», spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Bari e BAT.

Si tratta  anche della conferma – sottolinea la Coldiretti Bari e BAT– della dinamicità del settore agricolo e del ruolo che può svolgere a sostegno della ripresa. È stato concordato un aumento del 2% (a fronte del 4% inizialmente richiesto), da applicarsi in due tranche nel 2021 e nel 2022, con la conferma al contempo dei livelli di classificazione come previsti dal contratto scaduto e della declaratoria delle mansioni a essi riferibili, con la sola modifica del parametro retributivo di rifermento per le mansioni inquadrate nella Area 3 Livello 2 che passa dal 122 (ex fase sperimentale) al 124, da applicarsi però in termini definitivi e strutturali, senza condizioni e parametri particolari da rispettare per le aziende.

«In uno scenario reso sfavorevole dal Covid, crisi di mercato, accordi internazionali negativi per le produzioni pugliesi, clima impazzito con bruschi cambiamenti delle condizioni meteorologiche, il mondo economico e lavorativo nel suo complesso – aggiunge il presidente Muraglia – va accompagnato da azioni concrete e utili al sistema Puglia. Le imprese agricole hanno bisogno dei lavoratori e di condizioni di mercato del lavoro che siano realmente sostenibili. Gli operai agricoli hanno bisogno di lavoro certo, salari realmente e correttamente retribuiti a condizioni eque».

In ordine ai risultati del negoziato si è giunti, dunque, ad un accordo ben bilanciato, sia perché l’aumento retributivo – spiega Coldiretti Bari e BAT – si attesta su livelli sostenibili per le imprese agricole in questo periodo di difficile congiuntura economica e di crisi dei singoli comparti produttivi, sia perché guarda alla realtà delle organizzazioni dei lavori aziendali, con le relative figure professionali occorrenti per lo svolgimento delle pratiche colturali per produzioni di qualità.

A testimonianza della grande attenzione degli imprenditori agricoli al welfare aziendale ai tempi del Covid, sono stati stringenti – insiste Coldiretti Bari e BAT – i protocolli adottati dalle aziende agricole con un aggravio dei costi per la cartellonistica interna, i termo scanner, i trasporti con la riduzione a tratta del numero di operai condotti nei campi, la formazione, oltre al ridimensionamento degli spazi di lavorazione nelle aziende agroalimentari per garantire le distanze di sicurezza. Un impegno sul fronte della sicurezza a cui gli imprenditori agricoli hanno adempiuto con enorme senso di responsabilità – conclude Coldiretti – rispetto agli oltre 100mila operai agricoli impiegati nelle campagne pugliesi.

 

sabato 31 Luglio 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Operaio incavolato
Operaio incavolato
11 mesi fa

I sindacati come al solito colpiscono le aziende private che non possono difendersi ed applicano aumenti sui contratti di manodopera senza tenere conto che il prezzo dei prodotti agricoli diminuisce ogni giorno per cui molte aziende preferiscono chiudere perché le attività agricole non sono più remunerative.Discorso diverso per i dipendenti ARIF Puglia irrigui è forestali a cui viene applicato lo stesso tipo di contratto ma dal 2011 non vi è stato nessun aumento perché un ente pubblico come l' ARIF si rifiuta di riconoscere tali contratti collettivi di lavoro.Per cui questi sindacalisti da strapazzo prima vanno a casa è meglio è perché sono un danno per chi ancora investe in agricoltura.

Rosanna Prisco
Rosanna Prisco
11 mesi fa

I sindacalisti …. dicono di stare dalla parte degli operai ma in realtà non è così