Politica

25 novembre, il Sindaco: «Non basta una giornata. Serve un impegno quotidiano»​

La Redazione
Domani mattina, al "Tannoia", si svolgerà un dibattito, in collaborazione col Centro Antiviolenza, dedicato al contrasto alla violenza sulle donne e di genere e a Santa Scorese
scrivi un commento 274

“25 novembre tutti i giorni” e, quindi,”Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne e la violenza di genere tutti i giorni”: è questo il senso del messaggio che il sindaco Pasquale Chieco affida a una nota su Facebook per annunciare le misure e le azioni che il Comune adotta a contrasto della violenza di genere. Simbolo di questo giorno Santa Scorese, la studentessa barese assassinata da uno stalker nel 1991 a cui sarà dedicato un incontro pubblico che si svolgerà domani mattina all’Istituto Tecnico “P.A.M. Tannoia”, in collaborazione conil Centro Antiviolenza.

«La violenza sulle donne è un fenomeno drammatico e rappresenta ormai un’autentica emergenza. – scrive il Primo Cittadino – Le statistiche ci dicono che l’età dei maltrattanti si è di molto abbassata fino a lambire l’adolescenza e che per le donne che decidono di chiudere con il loro passato di violenza il momento della denuncia coincide con il periodo di massimo pericolo, senza una rete di servizi di protezione solida e completa pronta ad accogliere e a tutelare.

Realizzare momenti di sensibilizzazione su questo tema è fondamentale, poiché il cambiamento culturale è il punto di partenza per qualunque azione di resilienza».

Quest’anno, d’accordo con la vicesindaca e assessora alle Politiche Sociali Monica Montaruli, si è celebrata la Giornata Internazionale contro la violenza di genere e sulle donne nel corso del Consiglio Comunale che si è svolto il 25 novembre, ricordando le azioni intraprese sul territorio.

«Da quando, circa un anno e mezzo fa, – prosegue -il Comune di Ruvo di Puglia ha assunto la regia delle politiche zonali contro la violenza di genere in seno al Piano Sociale Corato-Ruvo-Terlizzi, sono state sbloccate risorse importanti per queste attività e grazie al lavoro della dottoressa Angela Maria D’Amato, assistente sociale del nostro Comune, è stata definita una programmazione di livello molto apprezzata dagli uffici regionali».

Con 21mila euro si sosterranno percorsi di autonomia abitativa e lavorativa a favore di donne maltrattate che non sono in grado di “liberarsi” per ragioni di dipendenza economica e abitativa.

Con 40mila euro si consentirà al Centro Antiviolenza invia Solferino di essere aperto per più ore e di organizzare incontri di sensibilizzazione della comunità al tema.

Con 47mila euro si attiverà una supervisione specialistica di tutti i servizi in favore delle vittime attivi in città;ci si avvarrà di una psicologa esperta nel trattamento del trauma per i minori vittime di violenza e si costruiranno progetti scolastici di contrasto al bullismo e al cyberbullismo.

Con 21mila euro il Comune sosterrà i costi della protezione delle vittime ad alto rischio in strutture residenziali dedicate e si potrà potenziare il supporto legale e specialistico.

«Per contrastare la violenza sulle donne non basta certo una giornata.- continua il Sindaco – Serve un impegno quotidiano, servono parole e azioni conseguenti.

Serve la collaborazione di tutti, nessuno escluso, per aiutare chi è in difficoltà, perché l’irreparabile può succedere ovunque in ogni momento. Aiutateci a far conoscere questi servizi e queste possibilità a chi potrebbe averne bisogno”. Conclude: “Noi faremo la nostra parte meglio che possiamo per costruire un futuro sereno per la nostra comunità, perché 25 novembre è sempre. Anche oggi. Anche domani».

venerdì 29 Novembre 2019

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Maria P.
Maria P.
2 anni fa

Ma perché ogni volta che si parla di violenza sulle donne qualcuno deve infilarci per forza la violenza di gener3? Ovvero la propaganda.