Spettacolo

Progetto “Heroes”, da stasera a giovedì in scena “La terra delle madri”

La Redazione
​Giunge al suo esito finale il progetto della Compagnia La Luna nel Letto in ats col Teatro Crest di Taranto​. Coinvolti 13 artisti, 13 performance e sette locali del centro storico di Ruvo di Puglia​​
scrivi un commento 806

C’è un luogo dove il mito può manifestarsi, dove la scrittura
diventa puro segno in una danza libera, la frequenza di una voce si fa
presenza, la narrazione è testimonianza.

“La terra delle madri” è
l’origine, il tutto pieno, l’attimo prima. Solo lo sguardo può rendere
possibile l’accadimento e può convertire il semplice movimento di un suono
nello spazio nell’unico istante assoluto di verità.

Il progetto della Compagnia La Luna nel Letto a cura di
Salvatore Marci e Antonella Ruggiero ha previsto un percorso di formazione su “I
miti nel contemporaneo/Heroes”: 13 week end di approfondimento e studio sul
mito greco attraverso le discipline dello spettacolo dal vivo (narrazione,
drammaturgia, danza, canto, composizione musicale). Realizzato in ats con il
Teatro Crest di Taranto, ha compreso gli interventi di maestri di rilevanza
nazionale quali Giorgio Testa, Roberto Anglisani, Renata Molinari, Giorgio
Rossi, Gabriella Schiavone e Roberto Re David.

E ora giunge al suo esito finale. Da questa sera al prossimo 18
luglio, infatti, saranno coinvolti, nell’ambito della rassegna “Il paese dagli
occhi sorpresi” 13 artisti, 13 performance e sette locali del centro storico da
Piazza Matteotti fino a via Vittorio Veneto.

Si tratta di Rossana Farinati con i Miti della creazione (Nascimenti)
e Francesco Di Tondo con Ippolito e Fedra (Ippolito on air); Francesca Danese
con Persefone (Camera oscura) e Nina Martorana con Medea (Confessioni); Marianna
Di Muro con Atena e Aracne (La Dea del cerchio) e Claudia Forte con Eco e
Narciso (L’ECOrrispondenze); Giacomo Dimase con Paride e il pomo d’oro (Dalla
parte di Paride) e Filomena De Leo con Philomela: “Mi chiamo Filomena: un nome,
una tragedia); Raffaella Giancipoli con Penelope (Controcorrente) e Viviana
Dorsi con Procne (Evoé); Patrizia Labianca con Elettra (La madre guerra) e Angela
Borromeo con Cassandra (La visionaria); Stella Addario con Penelope e “Ti
aspetterò tutta la vita (se non ci metti troppo)”.

I racconti degli attori, della durata di circa 20 minuti l’uno, si
terranno ogni sera alle 21 e alle 22. Per ogni performance è previsto un
massimo di 20 spettatori. Info e prenotazioni al botteghino di piazza
Matteotti, aperto a partire dalle 18.30.

lunedì 15 Luglio 2019

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti