Cultura

Venerdì si inaugura “I segni addosso”

La Redazione
In esposizione per una settimana a Ruvo la mostra dedicata alla tortura dal regime fascista ai giorni nostri
scrivi un commento 143

La tortura (di ieri e di oggi) è il tema al centro del secondo appuntamento di Attraversamenti, la rassegna dedicata ai diritti civili e realizzata dall’Assessorato alla Cultura e all’Istruzione in collaborazione con il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia/associazione Tra il dire e il fare.

Si intitola infatti “I segni addosso” la mostra che venerdì 10 marzo alle 18 verrà inaugurata nella sala conferenze della Pinacoteca di viale Madonna delle Grazie 2. Saranno esposte le illustrazioni dell'omonimo romanzo a fumetti scritto da Andrea Antonazzo da un’idea di Renato Sasdelli e disegnato da Elena Guidolin a cura di Studio Ram (Becco Giallo Editore). Al centro del racconto per immagini ci sono le atrocità fisiche e psicologiche della tortura. Si parte da episodi avvenuti durante il regime fascista, fino ad arrivare ai giorni nostri, affrontano l’argomento senza moralismi. Nonostante possa infatti sembrare una pratica distante nel tempo, la tortura è ancora tristemente attuale e non avviene solo in luoghi lontani da noi, come hanno dimostrato le tristi vicende del 2001 a Genova e la cosiddetta “macelleria messicana” perpetrata all’interno della scuola Diaz. In Italia, tra l'altro, la tortura non è ancora legalmente reato. All'incontro saranno presenti gli autori e la serata sarà introdotta dal professor Michele Lotito. 

Sabato 11 marzo alle 11, poi, Andrea Antonazzo ed Elena Guidolin incontreranno gli studenti del liceo sceintifico "O. Tedone" di Ruvo, introdotti dalla professoressa Rosanna Pellegrini.

L'esposizione resterà a Ruvo fino a venerdì 17 marzo ad ingresso libero.

mercoledì 8 Marzo 2017

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti