Attualità

Eventi che verranno ricordati sui libri di storia…

Grazia Ippedico
E come per una donna Petrarchesca, la Statua ha avuto ai suoi numerosi ammiratori tutti oviamente ai suoi piedi, che attendevano la caduta del velo, con il naso all'insù
scrivi un commento 3265

Piazza Bovio, il 29 marzo 2009 dopo più di un mese è stato liberato il monumento dei caduti dalle impalcature che lo circondavano. Si è ripresentato nella stessa veste, ma lindo e in compagnia di una statua alta quasi quattro metri completamente avvolta da una bandiera nazionale. I corsi che portano alla piazza sono stati addobbati da grandi bandiere tricolore, degni di una partita della nazionale ai mondiali.

Domenica finalmente è giunta e piano piano, la folla si è riunita intorna alla fanfara intonata dai bersaglieri. Fedeli e curiosi, oppositori e sostenitori della Statua della Vittoria erano tutti lì, nell’attesa che venisse scoperta quello che è l’oggetto di tante traversie. Prerogativa delle donne… anche di quelle di bronzo! E come per una donna Petrarchesca, la Statua ha avuto ai suoi numerosi ammiratori tutti ovviamente ai suoi piedi, che attendevano la caduta del velo, con il naso all’insù. Il vento che soffiava forte, dispettoso e curioso ha accellerato le manovre dei vigili del fuoco, che hanno sciolto le corde che tenevano ferma la bandiera tricolore… ed eccola lì, la vittoriosa statua, magistralmente scoperta da una voluta di vento! Applausi e inno di Mameli non potevano di certo mancare.

Il comandante vittorioso ed entusiasta ha ringraziato chi è giunto da lontano per questo evento, ha esortato a ritenere il monumento proprietà della città e ha soprattutto calcato la mano sulla civiltà… nei confronti della beniamina statua, affinchè ogni abbozzo di un possibile atto vandalico possa essere prontamente denunciato. Statua della Vittoria della città, patrimonio di Ruvo, che diventa assolutamente vanto dell’associazione dei bersaglieri. Il vento porta alle orecchie dei presenti parole quali "ce l’abbiamo fatta, abbiamo vinto!"

Prende la parola il sindaco che fa un lungo ed emozionante discorso in onore della pace.

Nel suo discorso il sindaco, ovviamente ringrazia l’associazione Bersaglieri, sottolinea come la volontà dei nostri avi di lasciare la memoria della nefasta guerra del ’15/’18 sia stata letteralmente disattesa nel 1942, quando il monumento, segno di attenzione alle future generazioni e dell’importanza della memoria fu privato della statua bronzea per farne ulteriori strumenti di morte.

Ma non si esime dal ricordare che in questi decenni il Monumento dei Caduti è rimasto ad assolvere quella funzione di ricordo dei nostri caduti e che l’aggiunta della nuova statua non vuole assolutamente essere un ripristino dell’originalità del monumento. Cosa impossibile visto che la seconda guerra mondiale ha scippato irrimediabilmente questa possibilità ai cittadini ruvesi. Inoltre, egli ha dedicato questo monumento a tutti i giovani militari italiani mai più tornati che sono andati a difendere la pace ed i diritti civili di popolazioni afflitte dalla guerra. Perchè la funzione dei nostri militari, ha continuato il primo cittadino, oggi è quella di essere garanti di pace in Italia e nel mondo.

Un messaggio di pace, dunque, che non si limita a ricordare i ruvesi che hanno perso la vita nel passato, ma tale monumento vuole essere, per il sindaco un monito al futuro, perchè non si abbiano a ripetere mai più eventi bellici come quelli che hanno dilaniato Ruvo e la Nazione dei decenni scorsi.

"I nostri Padri costituenti – ha aggiunto – che in prima persona hanno vissuto l’orrore della guerra, ci hanno donato una Costituzione che rappresenta una conquista di civiltà e modernità a cui nessun italiano dovrebbe rinunciare che all’art.11 recita "L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali". E d è per queste ragioni, che insieme alle bandiere istituzionali del tricolore, rappresentanza della nostra Nazione, e di quella della comunità europea, questa amministrazione ha fortemente voluto che si aggiungesse una bandiera morale, in cui ogni cittadino italiano che si riconosca nella costituzione, indipendentemente dalle proprie idee ed ideologie dovrebbe riconoscersi, quale è la bandiera della Pace."

A quei cittadini non tanto vecchi da ricordare la statua originale venduta 60 anni fa dal Comune al regime fascista, rimane l’impressione che tutto questo sia uno spreco assoluto. Quelli che ricordano la villetta senza statua, all’improvviso, accecati da un lampo geniale, scoprono che la storia viene fatta ogni giorno, e che questa farà parte di quelle storie che magari da vecchi racconteremo ai nostri nipoti. Una storia lunga, tortuosa che si sviluppa senza chiari perchè.

Di fatto c’è una statua che ricorda tanto un periodo desueto e pieno di polvere, che non va assolutamente dimenticato: la prima guerra mondiale (la seconda che l’Italia miseramente e per fortuna perse, viene logicamente dopo!!)

Statua nata nel 2009, che ricorda una vecchia statua del 1937, e che si erge ad accogliere tutti coloro che vengono per apprezzare la Storia tra il Museo Archeologico, un centro storico originale e una meravigliosa intatta Cattedrale…

Rimarranno dunque, gli scettici, gli oppositori, gli orgogliosi e i patriottici. Probabilmente ci sarà una piccola fetta che sentirà i propri ricordi violati da questa sconosciuta, che come una matrigna si intrufola in una consolidata famiglia.. Certo Piazza Bovio è della Città e la Città è di ogni singolo ruvese e sarebbe stato curioso sapere, tramite un piccolo referendum cittadino, quanti davvero volessero questa bronzea figura ma… democrazia o oligarchia, che sia giusta o sbagliata, la donna d’Italia è lì… ai posteri l’ardua sentenza!

giovedì 2 Aprile 2009

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
ewawe
ewawe
13 anni fa

il patriottismo uccide pure te, digli di smettere

devil20
devil20
13 anni fa

Non c’è che dire: un pezzo degno del miglior giornalismo femminile del Regime (tranne qualche piccola ‘svista’ ortografica), a coronamento di una giornata che ha fatto rivivere a Ruvo i radiosi giorni delle adunate e dei saggi della gioventù littoria.

devil20
devil20
13 anni fa

Bellissimo pure il discorso del sindaco che esalta la pace e scomoda la Costituzione per ricordare che l’Italia ripudia la guerra e poi finanzia una statua che inneggia alla ‘vittoria’. Per fortuna questa storia è finita già con l’ammainabandiera degl’inguaribili soldati over 70. I giovani che le girano intorno ogni sera, nonostante tutto più intelligenti e sensibili di chi li governa, manco la guardano più

CINDY82
CINDY82
13 anni fa

Grazie ai Bersaglieri!!!! Bravo Papà!!!

sasuke
sasuke
13 anni fa

Ma perchè non si voleva la DonnA

gigi78
gigi78
13 anni fa

Allo slacciar degli italici nodi una scultur cumulativa si presentò, di trombetta armata manifestò! oh gaudio! oh giubilo! In ricordo dei fratelli la piazzetta presto si adornò, tra battaglion pennuto e reggimento di dentier … riporti al vento e sguardo fiero, per osservare la sua rigonfia terza glorificando prima e seconda. Hip hip hip ovdà!

mverde12
mverde12
13 anni fa

Grazie Bersaglieri per averci salvato e per aver salvato Ruvo ma da chi o da che cosa nessuno lo sa. Di certo non ci siamo salvati ancora dai loro minacciosi e acidi rigurgiti.

maverick004
maverick004
13 anni fa

E … per smorzare i toni: “si vis pacem para bellum … SI VIS BELLUM PARA CULUM”

gattomatto
gattomatto
13 anni fa

ma era la festa dei bersaglieri o del ricodo delle vittime ruvesi e quindi di noi cittadini??complimenti avete fatto festteggiare persone che con ruvo hanno poco a che fare….oppure noi nn eravamo in grado??la prossiama volta rendete + protagonisti noi ruvesi…non gli sconosciuti…..

nickangel
nickangel
13 anni fa

adesso ti sei sbagliato devil20, perchè il nostro “caro” sindaco non ha finanziato un bel niente per questa iniziativa e durante il suo bel discorso di domenica 29 non ha nemmeno ringraziato tutti i cittadini che hanno partecitato economicamente a questa iniziativa! ringraziamo i bersaglieri di ruvo che si sono battuti per far ritornare la statua al suo posto! grazie bersaglieri…

nickangel
nickangel
13 anni fa

come al solito grazie sindaco x quello che non fai x il nostro paese, ah dimenticavo impara a salutare i tuoi cittadini quando cammini x le vie di ruvo!

piy79
piy79
13 anni fa

scusa nickangel.. l’amm.ne ha dato l’assenso a far tornare la Statua e ha confermato i € 14.000…..però non ha fatto nulla.

cmq Sindaco si metta un cartello con scritto ciao così nickangel non se la prende.

nickangel
nickangel
13 anni fa

come al solito difendiamo chi sale al comando di questo paese che continua solo a non fare nulla per tirarlo sù! lo scenario è di una cittadina degradata e lasciata morire, un esempio lampante è la nostra piscina comunale che attirava gente da ogni parte, ora è una struttura fatiscente!!! solo una parola mi viene da dire per descivere ruvo: UNO SCHIFO….

castello61
castello61
13 anni fa

Guardate l’asfalto nel pezzo di estramurale tra la stazione e la via del campo sportivo. Forse lì il Comune avrebbe dovuto investire i 14.000,00 Euro (non su una statua “verde”).

rosys
rosys
13 anni fa

guardate l’estramurale da via Aldo Moro al bivio per il cimitero e oltre…schifo super schifo

andy951976
andy951976
13 anni fa

x me è importante qst mon anche se si potrebbero investire fondi da altre parti