Viabilità

Rifacimento asfalto delle strade urbane, al via il secondo lotto dei lavori

Cantiere stradale in città © Comune di Ruvo di Puglia
L’intervento, per un importo complessivo di circa 290.000 euro, prevede il ripristino dell’asfalto previa fresatura dell’esistente
3 commenti 201

Al via lunedì 8 agosto i lavori del secondo lotto dell’intervento di manutenzione straordinaria delle strade del centro abitato di Ruvo di Puglia. L’intervento, per un importo complessivo di circa 290.000 euro, prevede il ripristino dell’asfalto previa fresatura dell’esistente.

Le prime strade interessate dai lavori saranno via Don Minzoni, parallela Cairoli, via Marconi, via Verdi, via Papa Giovanni XXIII e via Corato nel tratto compreso tra via Marconi e via Pertini. L’impresa appaltatrice è la Dambrosca Costruzioni srl.

Si tratta del secondo lotto dei lavori di rifacimento delle strade cittadine finanziato con il mutuo per complessivi 1.100.000 euro acceso dal Comune con la Cassa Depositi e Prestiti. Il primo lotto era stato completato nell’estate del 2021. Prossimamente verranno affidati lavori di manutenzione stradale per ulteriori 862.000 euro finanziati dal programma regionale “Strada x strada”.

«Come promesso – ha detto il sindaco Pasquale Chieco – riprendiamo il nostro lavoro di riqualificazione della rete viaria cittadina. È un lavoro che parte da lontano, possibile grazie al miglioramento dei nostri conti e che già l’anno passato ha visto la sistemazione di diverse strade in centro e in campagna.
So bene, anche dalle tante vostre segnalazioni, che molti di voi considerano il rifacimento delle strade l’opera pubblica più importante, perché più vicina alla nostra vita quotidiana: investire risorse ed energie per migliorare e rendere più sicure le strade cittadine è un impegno che abbiamo preso con la città e che intendiamo portare fino in fondo».

«Si tratta di un intervento strutturale – ha detto l’assessore all’Ambiente Antonio Mazzone – già avviato dalla precedente amministrazione e finalizzato al ripristino del manto stradale di alcune vie cittadine che da tempo necessitano di sistemazione.
Prima di iniziare abbiamo dovuto attendere che alcune aziende completassero alcuni interventi di rete nei sottoservizi. Ringraziamo gli Uffici dell’area tecnica anche per il prezioso lavoro di raccordo e coordinamento con queste aziende grazie al quale siamo riusciti a curare la programmazione delle attività, a massimizzare gli obiettivi progettuali e, al netto di imprevisti, a evitare sovrapposizioni di cantieri e spreco di risorse pubbliche.
Ma non ci accontentiamo: nel prossimo futuro vorremmo provare a migliorare questo tipo di cantieri anche dal punto di vista della sostenibilità».

sabato 6 Agosto 2022

Notifiche
Notifica di
guest
3 Commenti
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Ciccio Kim
Ciccio Kim
11 ore fa

Salvo poco dopo vanificare tutto per la posa di tubi, condutture, cavi e quant’altro.

francesco amenduni
francesco amenduni
9 ore fa

colgo l’occasione per segnalare sull’estramurale pertini, angolo via vecchia bisceglie , sull’asfalto appena rifatto, una buca tremenda che in realtà è una grata di captazione delle acque piovane che è almeno 10/15 cm incassata al di sotto del piano stradale, proprio al centro della carreggiata. per non incapparvi con le ruote dei veicoli bisogna essere esperti guidatori. ma se poco poco non lo sei vai a scassare gomma cerchio ammortizzatore braccetto e tirante sterzo. ma come si fa a lasciarla in quelle condizioni? a manto stradale appena rifatto? una cosa da correggere quanto prima per piacere!

Calimero nero
Calimero nero
1 ora fa

Chiedere sempre all’ufficio tecnico comunale che come al solito dorme sempre.Ma sono perennemente in ferie questi nostri tecnici comunali salvo rientrare solo il giorno di riscossione dello stipendio.Infatti sull estramurale dopo aver installato sedi per futuri alberi da piantumare sulla sede stradale, dopo pericolosissime rotatorie spacca automezzi e dopo un restringimento enorme della carreggiata di transito ora bisogna fare i conti con tombini e grate poste ben al di sotto della sede stradale.Ma questi tecnici e relativi revisori di opere non transitano mai su queste strade? Mandiamoli a casa con relativo assessore alla viabilità perché autentici incapaci.