Incidente ferroviario tra Corato-Andria ripreso da un elicottero dei Vigili del fuoco: era il 12 luglio 2016
Il ricordo

La ferita ancora aperta del 12 luglio 2016

Sei anni fa, nell'impatto frontale fra due treni della Ferrotramviaria, sul binario unico Corato-Andria, persero la vita 23 persone. Tra loro il giovane studente e musicista Antonio Summo di Ruvo di Puglia
scrivi un commento 327

Era un martedì, come oggi. Il 12 luglio di sei anni fa, come ogni mattina, la gente saliva sui treni della Ferrotramviaria. Sulla linea a binario unico tra Corato e Andria, al chilometro 51 della tratta Bari-Barletta, poco dopo le 11 avvenne lo scontro frontale in cui 23 persone persero la vita e 50 rimasero ferite. Fu uno dei più gravi disastri ferroviari del Paese. Tra le vittime il ruvese Antonio Summo, di quindici anni, studente e trombettista.

Subito si mise in moto la macchina dei soccorsi, per più di 32 ore si lavorò anche a mani nude per prestare soccorso ai sopravvissuti e cercare di ricomporre i corpi dilaniati.

Il 16 luglio si tennero i funerali di Stato al palazzetto dello sport ad Andria. La cerimonia fu officiata alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, della presidente della Camera Laura Boldrini, del ministro dei trasporti Graziano Delrio, del governatore della Puglia Michele Emiliano, e di tutte le altre autorità civili e militari.

Il 12 luglio 2017, in onore del giovane Summo, fu inaugurato, in via Falcone-Borsellino, il Parco della Musica, dedicato a un musicista e a un sognatore.

A distanza di sei anni la giustizia fa, lentamente, il suo corso. Il 6 luglio scorso, nell’aula bunker del carcere di Trani si è tenuta l’udienza durante la quale sono stati ascoltati altri consulenti di difesa per ricostruire la dinamica dei fatti. Salvo imprevisti, entro luglio finirà l’istruttoria dibattimentale. Poi, tra settembre e ottobre inizieranno le discussioni: parleranno i pubblici ministeri, le parti civili e ci saranno le arringhe delle difese.

Dopo sei anni da quella strage ferroviaria che ha segnato per sempre la nostra terra, resta una sola certezza: la necessità di stabilire la verità dei fatti e che sia resa giustizia per onorare Pasquale Abbasciano, Giuseppe Acquaviva, Serafina Acquaviva, Maria Aloysi, Alessandra Bianchino, Rossella Bruni, Pasqua Carnimeo, Enrico Castellano, Luciano Caterino, Michele Corsini, Albino De Nicolo, Salvatore Di Costanzo, Giulia Favale, Nicola Gaeta, Iolanda Inchingolo, Benedetta Merra, Donata Pepe, Maurizio Pisani, Giovanni Porro, Fulvio Schinzari, Antonio Summo, Ludovico Francesco Tedone, Gabriele Zingaro.

martedì 12 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti