L'omaggio

Un arancio e piante di mirto per Carlo Urbani: scoprì la Sars e salvò vite

Mano che tiene ramoscello di mirto
Una pianta di mirto © Pexels
Oggi, alle 19, nel Viale dei Giusti a Serra Petrullo, sede della Fondazione "Angelo Cesareo". Gli alberi e le piante sono stati adottati dal Liceo "Einstein - Da Vinci" di Molfetta per onorare il medico morto nel 2003 per aver contratto la malattia
1 commento 163
L'omaggio

Un arancio e piante di mirto per Carlo Urbani: scoprì la Sars e salvò vite

Oggi, alle 19, nel Viale dei Giusti a Serra Petrullo, sede della Fondazione "Angelo Cesareo". Gli alberi e le piante sono stati adottati dal Liceo "Einstein - Da Vinci" di Molfetta per onorare il medico morto nel 2003 per aver contratto la malattia
Mano che tiene ramoscello di mirto
Una pianta di mirto © Pexels

Oggi, venerdì 20 maggio, alle 19, nel Viale dei Giusti a Serra Petrullo “Angelus Novus”, sede della Fondazione “Angelo Cesareo”, verrà onorata la figura di Carlo Urbani, medico che per primo identificò e classificò la Sars, la sindrome respiratoria acuta grave, al centro di un’epidemia che esplose tra il 2002 e il 2003.

È il 28 febbraio 2003 quando Urbani, che lavorava all’Ospedale di Hanoi (Vietnam),  si accorge di trovarsi dinanzi al primo focolaio della malattia; lancia l’allarme all’Oms e predispone una serie di misure anticontagio (quarantena). In questo modo, si impedisce che tutto il personale sanitario dell’ospedale sia contagiato. L’11 marzo 2003, durante il volo Hanoi-Bangkok, Urbani si accorge di aver contratto la malattia: all’atterraggio chiede di essere ricoverato e isolato. Ai medici accorsi da Germania e Australia chiede di prelevare i tessuti dei suoi polmoni, per analizzarli e utilizzarli nella ricerca. Muore il 29 marzo, dopo diciannove giorni di isolamento. Urbani e altri quattro operatori sanitari furono gli unici decessi per Sars osservati nel Vietnam, il primo Paese del sud est-asiatico a dichiarare debellata la malattia. Questo grazie all’intervento immediato e puntuale di Urbani. Secondo l’Oms, il suo metodo antipandemie è un valido protocollo internazionale per combattere questo tipo di malattie.

Proprio per il suo altruismo, Urbani è stato individuato dal Liceo “Einstein – Da Vinci” di Molfetta come Giusto in occasione della giornata del 6 marzo, Giornata europea dei Giusti: per questo viene adottato da docenti e studenti del Liceo e consegnato al Viale, essendo rappresentato da un albero di arancio e piante di mirti. La cerimonia si svolgerà alla presenza dei rappresentanti della Fondazione “Angelo Cesareo ” e del Liceo Classico di Molfetta.

venerdì 20 Maggio 2022

(modifica il 27 Maggio 2022, 18:28)

Notifiche
Notifica di
guest
1 Comment
Vecchi
Nuovi Più votati
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
anacleto berardi
anacleto berardi
1 mese fa

zona geliva per un arancio … sarebbe stato meglio un essenza più boschiva … comunque , bellissimo gesto