Cronaca

Centro antico, c’è il progetto che riqualificherà via San Carlo e sue traverse

La Redazione
Il progetto è candidato nell'ambito di fondi ripartiti dal Ministero dell'Interno - "Decreto del 21/02/2022 – Art. 1 comma B" per complessivi 209.000 euro
scrivi un commento 12

Approvato nei giorni scorsi in Giunta il progetto di fattibilità tecnica ed economica per un intervento di rigenerazione urbana nel nucleo antico di Ruvo di Puglia che prevede la riqualificazione, la messa in sicurezza e il miglioramento del decoro urbano di via San Carlo e delle relative traverse. Il progetto è candidato nell’ambito di fondi ripartiti dal Ministero dell’Interno – “Decreto del 21/02/2022 – Art. 1 comma B” per complessivi 209.000 euro. 

L’intervento ha per obiettivo la riqualificazione di via San Carlo, importante strada del nucleo antico. Il progetto prevede la creazione di spazi pubblici rinnovati (anche in funzione turistica), integrazione degli impianti di pubblica illuminazione e videosorveglianza, il miglioramento dell’accessibilità con particolare attenzione per l’utenza debole, la realizzazione di infrastrutture di servizio e di opere di arredo urbano delle piazze e degli spazi aperti. Nello specifico è prevista la ripavimentazione in basole calcaree della parte di via San Carlo tra via Vittorio Veneto e larghetto Cotugno, comprese alcune traverse, in particolare i vichi dal I al V San Carlo, vico Pergola e largo San Carlo, la revisione della pubblica illuminazione e l’integrazione della rete di videosorveglianza. L’opera è ormai necessaria visto il precario stato dei luoghi, le basole sconnesse e rotte. Inoltre, Largo San Carlo, che costituisce un suggestivo scorcio del nucleo antico, merita una riqualificazione in grado di metterne in luce la bellezza e le sue potenzialità come spazio sociale.

«Il nostro lavoro per rendere migliore il nostro centro storico – ha detto il sindaco Pasquale Chieco – prosegue passo dopo passo mettendo in fila una serie di interventi coerenti tra loro, tutti finalizzati a trovare una nuova dimensione per la parte più ricca di storia della nostra città. Questi lavori, che finalmente riusciamo a mettere in cantiere, miglioreranno la vita dei residenti e renderanno anche quella strada attraente per le passeggiate dei nostri visitatori».

 

“Anche questo intervento di riqualificazione – ha detto l’assessore- all’Ambiente con delega ai Lavori Pubblici Antonio Mazzone – contiene i principi a cui si ispira la nostra visione: cura per i più fragili, miglioramento della vivibilità  con attenzione alla sostenibilità, slancio alla bellezza e sguardo alla socialità. Lo spazio pubblico è un diritto e va curato, agganciando tutte le possibilità di finanziamento che ci consentono di programmare interventi che difficilmente potremmo realizzare con risorse di bilancio. Costa fatica ma lo dobbiamo alla città delle nuove generazioni.

Aspettiamo con fiducia l’esito della candidatura.”

mercoledì 4 Maggio 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 15:55)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Marco
Marco
2 mesi fa

Il problema è che per rimettere a posto un po' di basole rotte ormai occorre una trafila infinita e una spesa altrettanto esagerata.

Tex willer
Tex willer
2 mesi fa

Buon giorno parliamo del centro storico ma del rifacimento del manto stradale di molte arterie comunali disastrate quando ne parliamo? In periodo di votazioni si sventolavano progetti per risolvere tale annoso problema ma finite le votazioni tutto tace.L' estramurale Scarlatti è rimasto disastrato tranne quel piccolo tratto riprestinato dall'Enel, le erbacce sono rimaste al loro destino donando alla città un po' di verde gratuito.Ora si riparte dal centro storico come al solito ma per la prevenzione ai ratti come la mettiamo? Aspettare e sperare che piovano soldi e proposte concrete .