Cronaca

Report Asl, nella settimana 18-24 aprile registrato a Ruvo lieve aumento dei casi Covid

La Redazione
In lieve rialzo, nell'Area metropolitana di Bari, il tasso d'incidenza dei contagi Covid nel periodo 18 aprile-24 aprile: passa da 935.5 casi a 1000.5 casi per 100mila abitanti (più 6,9 per cento)
scrivi un commento 19

In lieve rialzo, nell'Area metropolitana di Bari, il tasso d’incidenza dei contagi Covid nel periodo 18 aprile- 24 aprile: passa da 935,5 casi a 1000,5 casi per 100mila abitanti (più 6,9 per cento). Un trend confermato anche a Ruvo di Puglia dove, nello stesso periodo, si registrano 178 casi positivi (tasso di incidenza 714.3 per 100mila abitanti) mentre nella settimana precedente i casi erano 172 (tasso di incidenza pari a 690.3 per 100mila abitanti). Si consideri, tuttavia, che le variazioni dei numeri dei casi e dei tassi settimanali, da un report all'altro, dipendono statisticamente dal continuo processo di consolidamento dei dati.

Salgono, nel Barese, a 3 milioni e 33.196 le dosi di vaccino somministrate nel corso della campagna vaccinale anti-Covid. Nel dettaglio, sono state erogate di 1 milione e 122.441 prime dosi, 1 milione e 86.339 seconde, 819.173 terze 5.243 quarte dosi. A Ruvo di Puglia le dosi somministrate, in totale, sono 57.887; le prime dosi sono 21.218; le seconde dosi sono 20.236; le terze dosi sono 16.385; le quarte dosi sono 48 (destinate alle persone immunocompromesse). I residenti di Bari e provincia dai 5 anni in poi che hanno ricevuto almeno due dosi sono attualmente 1 milione e 88.037, di cui 800.229 hanno effettuato anche la dose “booster” riservata alle persone con almeno 12 anni.

La copertura con tre dosi, prevista per chi ha completato il ciclo primario quattro mesi fa, è attestata all’84,3%, con livelli più elevati nella fascia più anziana, in particolare tra gli ultraottantenni (95%), i 70-79enni (91%) e i 60-69enni (89,4%). Margini ulteriori persistono nei gruppi più giovani, sotto i 50 anni, in cui la copertura è mediamente al 78,1%. A Ruvo di Puglia su una popolazione residente over 12 vaccinabile (22.396) il 91% ha ricevuto la prima dose; il 91% ha completato il ciclo e l'89% ha ricevuto la dose booster.

Dalla Asl di Bari è ribadita l’estrema importanza rivestita dal completamento del ciclo vaccinale per ottenere la migliore protezione possibile della popolazione, segnatamente per le fasce d’età per le quali è prevista la terza dose e la quarta dose: soggetti immunocompromessi, 60-79enni in condizione di fragilità, ospiti delle residenze sanitarie assistenziali e ultraottantenni. Per soddisfare queste esigenze, oltre agli hub della Asl, un compito fondamentale è affidato ancora una volta ai medici di medicina generale, che possono vaccinare in studio o a domicilio del proprio assistito grazie alle forniture assicurate dall’azienda sanitaria.

venerdì 29 Aprile 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 15:56)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti