Cronaca

Quale futuro per il biogas? A Ruvo un focus sull’impianto di Terlizzi

La Redazione
​Venerdì 29 aprile, alle 19, nella Sala Concerti della Corale Polifonica "M. Cantatore", in via G. Bruno 1. Tra i relatori i sindaci Pasquale Chieco e Ninni Gemmato
scrivi un commento 62

Si parlerà di ambiente e sviluppo sostenibile e in particolare del futuro del biogas e l'impianto di Terlizzi nell'incontro organizzato dal Lions Club Ruvo di Puglia Talos Host e Club Lions Castel del Monte Host per questa sera alle ore 19,00. L'incontro si svolgerà nella Sala Concerti di Via Giordano Bruno 1 a Ruvo di Puglia. 

All'attenzione dei relatori ci sarà l'impatto ambientale della struttura, le implicazioni sulla Via Francigena e in modo approfondito gli svantaggi e i vantaggi che la struttura porterà al territorio. Suill'argomento relazioneranno: l'ingegnere Andrea Pugliese, ambientalista, il dottor Claudio Di Iaconi  (CNR – Irsa), e i sindaci di Ruvo di Puglia e Terlizzi Pasquale Chieco e Nicola Gemmato. 

L'incontro, moderato dall'ingegnere Claudio Amorese, sarà concluso dalla dottoressa Flavia Pankiewicz, Governatore del Distretto 108 AB.

Un meeting divulgativo per fornire un servizio di informazione e divulgazione alle comunità locali relativamente all'impianto di produzione di biometano che la società Sorgenia Biopower S.r.l. ha progettato e per il quale sta richiedendo l'autorizzazione per la sua realizzazione nella zona agricola del Comune di Terlizzi.
La produzione di biogas da fonti rinnovabili contribuisce alla riduzione del consumo di combustibili fossili e alla riduzione nelle emissioni di gas climalteranti, ossia ad effetto serra. Nel caso specifico il biogas sarà prodotto dalla digestione anaerobica di sottoprodotti agricoli e in particolare la sansa vergine di olive da processo di estrazione a due fasi, la pollina derivante da allevamenti in lettiera e da sottoprodotti di ortofrutta provenienti dalle immediate vicinanze dell’impianto che, una volta autorizzato, sarà costruito su suolo agricolo fra i comuni di Ruvo e Terlizzi.
La digestione anaerobica è in sostanza la fermentazione di materiale organico in assenza di aria che produce un gas composto da metano ed anidride carbonica. L'anidride carbonica sarà separata dal metano utilizzando membrane altamente selettive. Sia il metano sia l'anidride carbonica saranno poi liquefatti per essere trasportati verso gli utilizzatori finali. Il metano, in particolare sarà destinato all’autotrazione.

L’obiettivo dell'iniziativa dei Lions Club Castel del Monte e Talos è quello di fare chiarezza sulla iniziativa fornendo informazioni il più possibile basate su evidenze tecniche e scientifiche, senza trascurare gli aspetti di integrazione territoriale e ricadute socio economiche sul territorio in modo da fornire al comune cittadino gli strumenti che gli consentano di avere  una opinione il più possibile scevra da strumentalizzazioni politiche o commerciali. 

giovedì 28 Aprile 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 15:56)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tony
Tony
3 mesi fa

Magari si ne costruisse uno in ogni paese, come in Germania.

Vincenzo de Sario
Vincenzo de Sario
3 mesi fa

…prepariamoci alle puzze perenni..come a Modugno…chiedete a chi ci abita…..