Cultura

“Scenari dell’educabile”, incontro formativo al I circolo didattico “G. Bovio”

La Redazione
Dalle 16.30 alle 19.30, nella Sala Carrante. Focus sulle figure di don Lorenzo Milani, don Tonino Bello e San Giovanni Bosco. Dedicato a docenti ed educatori
scrivi un commento 17

Si svolgerà dalle 16.30 alle 19.30 di giovedì 21 aprile, nella Sala Carrante del I circolo didattico "G. Bovio, il seminario, promosso dalla casa editrice "La Meridiana"  con il patrocinio del Comune di Ruvo di Puglia e la collaborazione attiva dell’Assessorato alle Politiche di Comunità, dal titolo “Scenari dell’educabile – Don Lorenzo Milani, don Tonino Bello, don Giovanni Bosco: sguardi educativi".  Riservato ai docenti di ogni ordine e grado delle scuole di Ruvo di Puglia e ad alcuni rappresentanti del progetto legato alla costruzione di Ruvo Città Educante, l'incontro rientra nella rassegna culturale Ruvo a Primavera – Aprile 2022.

A tracciare i profili dei tre sacerdoti, che non erano pedagogisti e nemmeno avevano scelto di esserlo, sono alcuni autori della casa editrice: Piergiorgio Reggio dell’Università Cattolica di Milano; Lazzaro Gigante, già direttore didattico e docente della Lumsa di Taranto; Piergiorgio Ellerani dell’Università di Lecce. Il tratto straordinario delle tre figure sta proprio nel loro aver interpretato, con le scelte di vita e di impegno radicate nel loro tempo, prassi educative che orientano ancora oggi quanti scelgono l’attività di maestri, educatori, docenti. Il loro è stato un pensiero educante che ha rivoluzionato le azioni educative spingendo le loro intuizioni e le loro pratiche fino a noi, per la portata delle scelte di ciascuno nel contesto di cui erano chiamati ad essere pastori. Anzi la scuola di Barbiana, l’esperienza di don Tonino educatore, l’impegno formativo degli oratori di don Bosco rappresentano punti di riferimento nel dibattito di come si possa fare scuola ed educazione dopo la pandemia. «È singolare – annota Elvira Zaccagnino direttrice della casa editrice – che tre sacerdoti cresciuti in una Chiesa preconciliare siano stati capaci nel loro tempo di immaginare una educazione diffusa e democratica, capace di includere coloro che il sistema scolastico tendeva a escludere».   

Straordinaria la risposta della comunità di Ruvo. L’evento infatti ha registrato un’ampia partecipazione, facendo chiudere le iscrizioni a pochi giorni dall’avvio della comunicazione alle scuole. «Un segno questo – annota l’assessora Monica Filograno – che dice il lavoro collaborativo e prezioso che le scuole vogliono fare nella nostra città perché i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze sentano che c’è una comunità che si mette in gioco per la loro crescita. Questa primavera sarà particolarmente dedicata a loro a Ruvo di Puglia».

 

 

mercoledì 20 Aprile 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 15:58)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti