Attualità

Report Asl, a Ruvo registrato aumento di contagi nella settimana 14-20 marzo

La Redazione
Nella Città Metropolitana di Bari, il tasso di incidenza nello stesso periodo è pari 1.187,9 casi per 100mila abitanti, con un aumento del 68% rispetto alla settimana precedente.​ Prosegue la campagna vaccinale antiCovid
scrivi un commento 19

Per la terza settimana consecutiva, 14-20 marzo, contagi in crescita nel territorio della Asl Bari: si registra un incremento del tasso d’incidenza sino a 1.187,9 casi per 100mila abitanti, con un aumento del 68% rispetto al periodo precedente. Trend confermato anche a Ruvo di Puglia dove, nello stesso periodo, si registrano 444 casi positivi (tasso di incidenza pari a 1.781,8 per 100mila abitanti) a fronte dei 305 registrati nella settimana precedente (tasso di incidenza 1.224). Si consideri, tuttavia, che le variazioni dei numeri dei casi e dei tassi settimanali, da un report all'altro, dipendono statisticamente dal continuo processo di consolidamento dei dati.

A oggi la campagna vaccinale ha raggiunto 3 milioni e 17.961 somministrazioni, di cui 1 milione e 121.786 prime dosi, 1 milione e 83.770 seconde e 810.342 terze dosi. Le quarte dosi, riservate alle persone immunocompromesse, ammontano a poco più di 2mila. A Ruvo di Puglia le dosi somministrate, in totale, sono 57.604; le prime dosi sono 21.214; le seconde dosi sono 20.174; le terze dosi sono 16.199; le quarte dosi sono 17 (destinate alle persone immunocompromesse). 

La fascia d’età dai 50 anni in poi si conferma la più vaccinata in assoluto: circa il 98% dei residenti di Bari e provincia ha ricevuto prima e seconda dose, mentre il 93,5% anche la terza. La copertura con doppia dose, nel gruppo 12-49 anni, si attesta al 90%. Nel complesso, l’87,3% della popolazione over 12 –  che ha completato il ciclo primario almeno quattro mesi fa – ha aumentato la protezione grazie alla dose “booster”. Particolarmente alta l’adesione degli over 80, tra i quali il 97% è stato vaccinato con tre dosi, e dei 70-79enni con una copertura del 94%. Nelle fasce più giovani, under 50, l’80,4% ha scelto di vaccinarsi con il “booster”, per cui vi sono ancora quote non irrilevanti di residenti che hanno la possibilità di potenziare l’effetto protettivo del vaccino. A Ruvo di Puglia su una popolazione residente over 12 vaccinabile (22.396) il 91% ha ricevuto la prima dose; il 90% ha completato il ciclo e sempre il 90% ha ricevuto la dose booster.

 

venerdì 25 Marzo 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 16:07)

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti