Politica

“La Capatosta della Resistenza”, Ruvo onora i partigiani ruvesi

La Redazione
Il 25 aprile, Festa della Liberazione, si terrà il consueto corteo cittadino Al termine, in piazza Matteotti, apposizione delle pietre d'inciampo in memoria di Giovanni Marinelli e Michele Rossini​
scrivi un commento 83

Dopo due anni, quest'anno si tornerà a celebrare pubblicamente l’Anniversario della Liberazione d’Italia dal Nazifascismo. Una ricorrenza che si avvicina mentre la quotidianità è stravolta dalla presenza della guerra. Un conflitto militare in Europa che rende prioritari i temi della pace, del disarmo, della coesistenza pacifica tra popoli. Temi che si ricollegano pienamente alla lotta di Liberazione dal nazifascismo. Anche per questo il Circolo Anpi di Ruvo di Puglia e l’Assessorato alle Politiche di Comunità del Comune hanno deciso di lanciare un percorso di iniziative culturali dal titolo “La CapaTosta della Resistenza!” volto a raccontare la lotta di Liberazione attraverso storie diverse che parlano della libertà e del nostro territorio.

Un percorso di avvicinamento che comincerà venerdì 25 marzo, alle 20.30 con la proiezione al Teatro Comunale del film “Una notte di 12 anni” di Alvaro Brechner (2018), in collaborazione con il circolo Arci “La Mancha”. Il lungometraggio racconta la storia dei ribelli costretti all’isolamento e alle torture dal regime fascista dell’Uruguay negli anni Settanta. Ingresso 5 euro. Gli appuntamenti proseguiranno venerdì 8 aprile quando piazza Matteotti diventerà lo scenario della mostra fotografica “La Liberazione ha la faccia tosta”, curata da Mauro Ieva e Vincenzo Colaprice, nella quale saranno esposte venti riproduzioni ritraenti venti volti di partigiani ruvesi. La mostra durerà fino al Primo Maggio. In serata, alle 18.30, a Palazzo Caputi, avrà luogo la presentazione del libro “La memoria che resta”, a cura dell’associazione Campo 65 e presentato dal prof. Giuliano De Felice, Piero Castoro e Domenico Bolognese. Il volume ripercorre le tappe del campo di Altamura che ospitò prima i prigionieri alleati catturati dai nazifascisti e, in seguito, i profughi dei territori perduti dall’Italia nella Seconda Guerra Mondiale. Il 22 aprile, alle 18.30, Palazzo Caputi ospiterà una presentazione della ricerca sui partigiani e gli antifascisti ruvesi, con l’esposizione di Vincenzo Colaprice e gli interventi artistici di Livio Berardi. Infine, il 25 aprilealle 18 si snoderà da piazza Matteotti il consueto corteo cittadino che onorerà l’Anniversario della Liberazione dal Nazifascismo. Al termine del corteo, nella stessa piazza saranno apposte le due pietre d’inciampo in memoria dei due antifascisti ruvesi caduti nei lager nazisti, Giovanni Marinelli e Michele Rossini. L’iniziativa sarà conclusa dalla premiazione del concorso artistico bandito per le scuole dal titolo “Ritratto di un partigiano: Saverio De Palo”.

 

 

giovedì 24 Marzo 2022

(modifica il 17 Maggio 2022, 16:07)

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti