Cultura

Pino e Livio Minafra tra i protagonisti del documentario “Km di musica”: la presentazione a Bari

La Redazione
Nel corto, ideato da Felice Lenoci e diretto da Massimo Cerbera, protagonista anche Michel Godard. La presentazione avverrà oggi, alle 11, alla Fiera del Levante
scrivi un commento 146

Oggi, alle 11, nell'Arena Eventi del Dipartimento di Turismo e Cultura della Regione Puglia alla Fiera del Levante ( Padiglione 107), sarà presentato “Km di musica”, breve documentario i cui elementi narrativi ed espressivi racconteranno di Acquaviva delle Fonti, nella sua tradizione e innovazione musicale. Il video è stato presentato in anteprima a Milano, lo scorso 28 novembre, durante l’evento “800 km di musica”, ideato da Felice Lenoci, e inserito nel palinsesto della Milano Music Week.  Alla presentazione interverranno Felice Lenoci; la direttrice artistica Doralisa Campanella</strong>; il regista Massimo Cerbera</strong>; Pino e Livio Minafra</strong>; Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia.

Felice Lenoci ha pensato a questo video come inizio di un viaggio virtuale che è cominciato da Acquaviva (sua città natale) e dalla tradizione musicale bandistica, passando poi per le suggestive influenze di diversi artisti e dei loro generi musicali, fino ad arrivare a Milano, in un evento live in cui si è parlato  di musica con cantanti, autori, dj e speaker, tutti pugliesi, che hanno raccontato il viaggio, attraverso i “propri” 800 km di musica. Il video, firmato da Massimo Cerbera, è interamente girato nei luoghi e tra i monumenti più rappresentativi   di  Acquaviva   e   vede   la   partecipazione    di    artisti    come    Michel    Godard, musicista e compositore francese, uno dei pochissimi solisti   di   tuba   e   probabilmente   unico   solista di serpentone, fondersi con la musica di Pino Minafra che, per l’occasione, ha duettato con lui suonando il didgeridoo e, in un assolo, il megafono. Livio Minafra, vincitore del prestigioso premio Top Jazz nel 2005, 2008 e 2011, nella sala di registrazione delle Officine Culturali, AltreMenti lab, ha improvvisato all’impronta, su una tastiera midi, un pezzo rock progressive, riuscendo a creare ambienti sonori e tappeti ritmici inusuali rispetto al suo classicismo al pianoforte acustico. Alcune scene sono state girate all’interno dell’hub musicale che il Comune sta attivando grazie al progetto Interreg Grecia-Italia “Apollo Lands per la valorizzazione della tradizione bandistica e della creatività musicale delle nuove generazioni.

martedì 21 Dicembre 2021

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti