Politica

Manca il numero legale, Consiglio Comunale deserto

Veronique Fracchiolla
Veronique Fracchiolla
Presenti 8 su 17 degli aventi diritto al voto. Il Sindaco: «Consiglio "dedicato" all'opposizione. Occasione di discussione sprecata». Il consigliere Piero Paparella (FdI): «Maggioranza senza numeri»
scrivi un commento 278

Il Consiglio Comunale di ieri, fissato alle 16.30 in prima convocazione, nella sala conferenze della Pinacoteca Comunale, non si è svolto.

Dopo l’appello da parte del Presidente del Consiglio, alle 17.30, constatata la mancanza del numero legale – devono essere presenti, infatti, almeno nove degli aventi diritto al voto (17), tra cui il primo cittadino – l’adunanza è stata dichiarata deserta.

Si sono seduti sugli scanni sette consiglieri e il sindaco Pasquale Chieco: della maggioranza Michele Scardigno (PD e presidente del Consiglio), Giovanni Turturro (PD) e Antonio Mazzone (Sinistra Ruvese). Mancano i consiglieri Rino Basile e Raffaella Di Terlizzi (Ruvo Futura); i consiglieri Mario Paparella (PD), i consiglieri Francesco Summo e Pina Picciarelli (AppDem); Lia Caldarola (Sinistra Ruvese).

Dell’opposizione sono presenti Mariatiziana Rutigliani (Forza Italia); Damiano Binetti (Un’altra IDeA per Ruvo); Piero Paparella (Fratelli d’Italia) e Giovanni Mazzone (Puglia Popolare). Sono assenti i consiglieri Orazio Saulle e Antonello Paparella (Forza Italia)

Accanto al primo cittadino, gli assessori che avrebbero dovuto rispondere alle interrogazioni e ai punti, proposti dall’opposizione, costituenti l’intero ordine del giorno: l’assessora alla Cultura Monica Filograno; l’assessore ai Lavori Pubblici Nicola Giordano; l’assessore al Personale e Organizzazione Francesco Stolfa; l’assessore alle Finanze Rocco Marone.

Nasce la polemica.

Il Sindaco, dal profilo istituzionale Facebook, commenta:

«Questa poi…Consiglio Comunale tutto dedicato a interrogazione e ordini del giorno dell’opposizione (ben 17 punti!). Sindaco e quattro assessori presenti e pronti a rispondere; quattro consiglieri di maggioranza (il primo cittadino si contempla tra loro avendo il diritto al voto, ndr) presenti e pronti a garantire il numero legale e ad aspettare l’arrivo di qualche ritardatario – al momento, infatti, quelli di centrodestra sono solo quattro, ne servirebbe almeno un quinto). All’improvviso, incomprensibilmente, un consigliere di opposizione (il consigliere Paparella, ndr) si alza e chiede la verifica del numero legale che manca per l’assenza di due consiglieri di centrodestra. Morale della favola: Consiglio annullato, tempo sprecato, risorse sprecate, occasione di discussione sprecata. Una domanda sorge spontanea: ma vi interessa parlare dei problemi della città o volete solo fare confusione?».

La replica del consigliere Piero Paparella non si fa attendere. In un post sul suo profilo istituzionale Facebook, intitolato “La maggioranza senza numeri”, scrive:

«Il fanatico delle regole continua a dimostrare di non conoscere le regole del Consiglio Comunale: nessuno ha chiesto la verifica del numero legale, bensì semplicemente si chiede che vengano rispettare le regole e le norme. Questo sì! Strano, vero? Il Regolamento all’art. 14 comma 3 testualmente recita: “Se il numero legale non si raggiunge entro un’orada quella indicata nell’avviso di convocazione, il Presidente dichiara deserta l’adunanza”.

Ricapitolando: il Presidente ha l’obbligo di fare l’appello entro un’ora; il Consiglio era convocato alle 16.30 e alle 17.30, come da regolamento, il Presidente ha fatto l’appello; i consiglieri di maggioranza erano quattro più il Sindaco». Tra i consiglieri citati, Paparella comprende il consigliere Giovanni Mazzone, da lui considerato una “stampella” dell’Amministrazione. Per questo, ironizza: «Ha ragione il Sindaco nel suo post». Poi prosegue: «Il Presidente alle 17.35 ha dichiarato “deserta l’adunanza”…come da regolamento.

Molti dei punti iscritti all’ordine del giorno di questo Consiglio Comunale erano già iscritti al precedente ordine del giorno e non furono discussi perché la maggioranza decise di andare via. Altro che chiacchiere!

La cosa positiva è, però, che dopo tre anni e mezzo di sua gestione, il Sindaco oggi ammette che la città ha dei problemi di cui parlare. I problemi della città non hanno colore politico e devono interessare tutti.

Chi ha avuto, poi , l’onore di essere stato eletto per amministrare e guidare la città, non può giocare a fare la minoranza dell’opposizione.

La maggioranza deve essere maggioranza, sempre. Ma forse il punto è proprio questo.

Come al solito quando il Sindaco è in difficoltà alza il livello di scontro con l’opposizione».

L’assise è rinviata ai prossimi giorni: in quella seduta si dovrebbe procedere anche alla surroga della consigliera di maggioranza Irene Turturo (AppDem) che, il 14 novembre scorso, ha rassegnato le dimissioni.

martedì 19 Novembre 2019

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti