Spettacolo

Nove musicisti del maestro Pino Caldarola nella banda giovanile Anbima

Irene Tedone
​Sono Rosalinda Balducci, Francesco Saverio Brilla, Luigi Cascarano, Francesco Ursi, Pasquale Di Domenico, Cesare Cassano, Angelo Tiziano Buonpensiere, Francesca Siciliani e Francesco Lauciello​
scrivi un commento 1342

Senti senti che notizia! Beh, più che altro certi fatti sono conferme. E come altro vuoi chiamarle?

Quando alle spalle c’è un pregresso lungo tutta una vita e le camicie le hai sudate tutte e sette; quando, cocciuto come un mulo, continui indefesso a trottare pensando che non ci sia un domani; quando, romanticone che non sei altro, seguiti a infilarci l’anima in quel che fai; quando, generoso come pochi, contano gli altri e non il tuo “io” a tutti i costi, beh, premesso tutto questo po’ po’ di roba, certe notizie, quando poi giungono, sono podi strameritati, sono vittorie dolcissime che ti fanno gongolare come un bambino scapestrato di fronte ad un lecca lecca.

Di chi parliamo?

Con tutta la certezza di questo mondo, possiamo dire che se parliamo di lui giocoforza parliamo anche di loro, che se c’è il maestro stai certo che lì, vicino vicino, nel raggio di una distesa di braccia (o poco più), ci stanno pure i suoi ragazzi a insufflare fiato in un trombone o in un clarinetto. E si, questo lo sapevamo, quante volte l’abbiamo detto che un filo, tutt’altro che invisibile, lega oggi come ieri il maestro Pino Caldarola ai suoi amati allievi.

Qual è la novità?

Ve la raccontiamo con lo stesso entusiasmo con cui l’abbiamo appresa dai protagonisti. Nove dei suoi pupilli, lo scorso 6 ottobre, hanno partecipato a un concorso a Turi, indetto dalla Anbima (Associazione Nazionale delle Bande Italiane Musicali Autonome) per la formazione di una banda di una cinquantina di fiati circa, l’Orchestra Giovanile rappresentativa regionale di Anbima Puglia. I ragazzi (tutti associati), di età compresa tra i 14 e i 23 anni, hanno concorso con un centinaio di musicisti coetanei provenienti da tutta la Puglia. L’audizione, svoltasi a porte chiuse in una sala dello store di strumenti musicali Palladium di Turi, prevedeva l’esecuzione, a cura dei candidati in competizione, di due brani, uno a scelta e uno d’obbligo, al cospetto di una consulta interna dell’associazione stessa.

Il regalo, impacchettato via email, arriva al maestro Caldarola dopo un paio di interminabili settimane. La conferma che i suoi 9 allievi sono tutti “idonei” lo inorgoglisce profondamente e gli dà nuova linfa per i progetti futuri. Per ora, quel che è certo è che Rosalinda Balducci (flauto/ottavino), Francesco SaverioBrilla (clarinetto), Luigi Cascarano (clarinetto), Francesco Ursi (corno), Pasquale Di Domenico (corno), Cesare Cassano (tromba), Angelo Tiziano Buonpensiere (trombone), Francesca Siciliani (eufonio) e Francesco Lauciello (eufonio) sono 9 importanti puzzle della prima orchestra regionale Anbima Puglia che, dopo una necessaria fase di rodaggio, inizierà le sue prime esibizioni nei momenti ufficiali.

E gli brillano gli occhi quando ne parla. Non sa trattenere le emozioni e, in un impeto emotivo che lo coinvolge fisicamente al punto da muovere in maniera esagitata le braccia quasi che stesse dirigendo un pezzo di Rossini, dice «amo troppo la banda e i miei ragazzi, il leitmotiv di tutta la mia vita artistica».

Per i suoi ultimi nove gioielli, il maestro accenna a una sorpresa di cui non vuole rivelare ancora nulla. Tutto sarà svelato solo nel corso della nona edizione della festa di Santa Cecilia in programma il prossimo 22 novembre nella chiesa Santa Famiglia.

domenica 3 Novembre 2019

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti