Cronaca

Operazione “Alto impatto”, verifiche e ispezioni nella stazione Ferrotramviaria di Bari

La Redazione
Agenti di Polizia al lavoro nelle sale di attesa, nelle biglietterie, nei sottopassaggi, nelle toilette, a bordo dei treni, lungo i marciapiedi dei binari e negli esercizi commerciali
scrivi un commento 687

“Alto impatto”. La Polizia di Stato ha denominato così l’operazione concentrata negli scali ferroviari più importanti di tutta Italia – tra cui quello di Bari – disposta dal Servizio di Polizia Ferroviaria per innalzare il livello di attenzione rispetto alle infrastrutture. L’operazione, non a caso, è stata pensata in concomitanza con il massiccio spostamento di viaggiatori che hanno scelto il treno per raggiungere le mete delle vacanze estive.

Per la città di Bari in particolare, nel corso dell’attività estesa anche alle aree adiacenti alla Stazione Centrale (extramurale Capruzzi, piazza Moro, corso Italia) e alle stazioni ferroviarie della Ferrotramviaria spa, delle Ferrovie Appulo Lucane e delle Ferrovie del Sud Est, sono state sottoposte a controllo le persone che, a vario titolo, frequentano gli impianti ferroviari. Sono state effettuate verifiche e ispezioni nelle sale di attesa, nelle biglietterie, nei sottopassaggi, nelle toilette, a bordo dei treni, lungo i marciapiedi di arrivo e partenza dei treni e negli esercizi commerciali.

Ben 824 persone sospette indentificate e controllate, di cui 144 stranieri e 126 con precedenti di polizia; 166 i bagagli controllati e 3 depositi bagagli.

In campo il personale della Polizia Ferroviaria, con il supporto di personale della Polizia Scientifica della Questura di Bari, Unità Cinofile della Polizia di Stato e l’impiego di tecnologie all’avanguardia. Sono stati usati in particolare smartphone di ultima generazione che consentono la verifica in tempo reale dei documenti elettronici ed l’identificazione immediata del soggetto sottoposto a controllo; necessario anche il metal detector per il controllo dei bagagli e delle persone, coordinato dal Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria che, mediante il sistema di geo-localizzazione delle pattuglie e la remotizzazione delle immagini delle telecamere di sorveglianza della Stazione, ha sempre sotto controllo la situazione per garantire i più elevati livelli di sicurezza.

Il Compartimento della Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise e la Questura di Bari hanno impiegato 33 pattuglie, per un totale di 74 agenti, appartenenti alla Polizia Ferroviaria, al Reparto Prevenzione Crimine, alle unità cinofile antidroga e anti-esplosivo ed alla Polizia Scientifica, che ha utilizzato anche l’automezzo “Moving Lab”.

sabato 27 Luglio 2019

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti