Cronaca

Grande festa finale per l’Oratorio estivo Salesiano

La Redazione
​Il programma prevede talent show, mostra dei lavori prodotti nei laboratori, giochi, musica e video finale. L'iniziativa nell'ambito del 90esimo anniversario di fondazione dell'Istituto Sacro Cuore​
scrivi un commento 457

Questa sera dalle 19 alle 22 si terrà presso l’Oratorio Salesiano di Ruvo (con ingresso da Via Carità) la festa finale di una lunghissima esperienza estiva (che è iniziata il 6 giugno e si concluderà poi il 26 luglio).

Organizzata da Suore, volontari, animatori e collaboratori adulti nell’ambito del progetto OratoriAMO con Don Bosco, ha avuto due percorsi educativi differenziati, nel rispetto delle diverse fasce d’età dei destinatari (uno al mattino e uno al pomeriggio), per un totale di oltre 320 partecipanti dai 6 anni in su.

Il tema dell’esperienza antimeridiana in questa straordinaria Estate Ragazzi 2019 è stato “Wunder – alla ricerca della bellezza. Tra i Vichinghi per risolvere un mistero”.

Quattro i verbi scelti per ritmare un percorso educativo che vuole favorire e formare sensibilità e competenza emozionale: ricevere, ricercare, scoprire, rifare.

«Educare alla bellezza, perché? – spiegano le suore Salesiane -. Intanto perché è la bellezza che salverà il mondo e poi perché siamo convinti, come educatori alla scuola di don Bosco, che solo chi si è lasciato affascinare dal bello ha una marcia in più per mettere le proprie energie e risorse a servizio degli altri».

Gli ambiti presi in considerazione per riscoprire la bellezza sono stati: la natura (l’ecologia, la cura del creato); i volti (le altre persone, con le loro specificità e diversità, con tutto ciò ci donano, con i loro “limiti” e l’appello che ci rivolgono a farci prossimo); il cuore (l’interiorità, la coscienza, la capacità critica e di discernimento); la città (il luogo delle relazioni umane in cui la bellezza prende forma e nel quale tutti sono invitati a dare il proprio contributo).

Finalità educative e formative sono state ricordare e accogliere le cose e le esperienze belle della vita; mettersi alla ricerca di ciò che è bello oltre le apparenze; ri-conoscere che la bellezza ha a che fare con la decisione libera di servire e di prendersi cura responsabilmente di ciò che siamo e di ciò che incontriamo; attivarsi per rendere più bello il mondo attraverso il servizio di ciascuno.

E ogni giorno una parola chiave da portarsi via per ricordare, nel quotidiano, gli impegni assunti in gruppo: Bellezza è… stupore – sorriso – gioia – legami – curiosità – differenze – sguardo – dettagli – immaginazione – oltre – silenzio – incroci – custodia – condivisione – generosità – progetto.

E come in ogni esperienza educativa, il bello comincia proprio quando si è giunti alla fine… è il momento ora di dare spazio all’artista/artigiano che è presente in ciascuno, di continuare (o iniziare) l’opera d’arte in cui tutti (singolarmente e insieme) siamo impegnati.

“Ri-fare” il bello non significa solo “riparare” ciò che è stato rovinato ma soprattutto “ri-creare” sul modello della bellezza che attrae, cioè alla luce di quel “di più” che gli occhi hanno iniziato a riconoscere nella natura, nei volti, nel cuore, nella città.

La bellezza che attrae e affascina è la bellezza del servizio, di chi non tiene per sé come un tesoro geloso le risorse e i talenti personali, ma li condivide e li mette a disposizione degli altri.

Il programma della serata prevede un talent show, la mostra dei lavori prodotti nei vari laboratori, giochi, musica, hot dog e video finale.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del 90esimo anniversario di fondazione dell’Istituto Sacro Cuore.

venerdì 19 Luglio 2019

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti