Politica

Commissariamento Aro, Gemmato: «Il provvedimento non è punitivo»

La Redazione
«Il mio mandato da presidente è scaduto nell'aprile dell'anno scorso, ma collaborerò con il commissario ad acta»
scrivi un commento 227

La Giunta Regionale ha deliberato ieri il commissariamento ad acta degli Aro (Ambiti di Raccolta Ottimale) precedentemente diffidati. Tra questi c'è l'Ambito Bari 1, di cui il Comune di Terlizzi è capofila.

Secondo il sindaco Ninni Gemmato il provvedimento non è affatto «punitivo: al di là di ogni possibile considerazione circa l'opportunità in periodo elettorale», sarebbe «finalizzato esclusivamente all’avvio del servizio unitario di gestione rifiuti».

«Per quel che riguarda me, Presidente ARO BA/1 con Terlizzi Comune capofila, il mandato triennale iniziato ad aprile 2013 era scaduto il 10 aprile 2016 – commenta Gemmato -. L’Assemblea aveva più di una volta rinviato l’elezione del nuovo Presidente. Nella seduta dello scorso 2 marzo, pur ringraziando i colleghi Sindaci per la fiducia accordatami, avevo comunicato il mio disimpegno dopo circa un anno dalla scadenza del mio mandato, anno nel quale ovviamente ho adempiuto ai miei doveri con senso di responsabilità. Il disimpegno era dovuto anche a motivi di opportunità: sono oramai prossime le elezioni comunali nelle quali sono candidato alla riconferma a Sindaco».

Per quel che riguarda l’Aro 1/BA, continua il primo cittadino terlizzese, «lo scorso 15 marzo l’Assemblea ha approvato una delibera finalizzata a far sì che quanto prima possa iniziare il servizio unitario: tale atto, contenente cronoprogramma e quantificazione preventiva dei costi necessari, sarà sicuramente un ottimo riferimento per l’attività del Commissario ad acta, al quale auguro da subito buon lavoro e comunicherò immediatamente tutta la mia disponibilità alla collaborazione costruttiva e propositiva. Sono certo che il progetto dell’ARO BA/1 sarà realizzato. Tale progetto consiste in una Società per Azioni (la già costituita SANB) interamente pubblica e partecipata da tutti i Comuni dell’ARO (Bitonto, Corato, Molfetta Ruvo e Terlizzi) che gestirà unitariamente il servizio rifiuti in un comprensorio di circa duecentoventimila abitanti, Società destinata a diventare la seconda realtà pubblica in Puglia nel settore rifiuti, dopo l'Amiu. Un’esperienza pionieristica in Puglia, con pochi analoghi in Italia».

Sulla raccolta differenziata Gemmato ostenta soddisfazione: «sulla base dei dati disponibili relativi al 2017, l’ARO BA/1 è quinto in Puglia con il 62.28% di raccolta differenziata. Considerando i dati disponibili relativi al 2016, l'ARO BA/1 è settimo con il 48.51%. Gli ARO in Puglia sono 38 e l'ARO BA/1 è tra i primi, in entrambe le situazioni. Sulla base dei dati disponibili di gennaio 2017, Terlizzi è il quarto comune in Puglia, con il 77.85% di raccolta differenziata. Dall'analisi dei dati disponibili di dicembre 2016, Terlizzi è, anche in questo caso, il quarto comune con il 77.11%. I numeri parlano da soli», conclude, lapidario, il sindaco.

sabato 25 Marzo 2017

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti