Attualità

“Pane sospeso”, oggi si ricomincia

La Redazione
I volontari saranno presenti negli esercizi commerciali aderenti e informeranno dell'iniziativa i clienti e tutti coloro che vorranno conoscerne meglio le modalità
scrivi un commento 295

Riparte in città la campagna "Pane sospeso", un'iniziativa di solidarietà libera ma necessaria per far fronte a un numero sempre crescente di famiglie che si ritrovano in condizioni di precarietà.

L’ispirazione deriva dall’usanza napoletana per cui nei bar si beveva un caffè, ma se ne pagavano due, per offrire il secondo a chi sarebbe venuto dopo e non poteva permetterselo. Qui a Ruvo, nuovamente da oggi, sarà il pane a essere “sospeso”.

«Qualcuno ci chiede perché», dice il presidente della onlus promotrice NoixVoi Cosimo Colaprice. «Perché tutta l'Italia continua a reggersi sulla supplenza della società civile alla mancanza di politiche di welfare responsabili rivolte ai più deboli per introdurli nel mondo del lavoro. Allora la solidarietà diventa la risposta immediata, la mano sicura per garantire quel minimo a chi ha perso ogni speranza. Il Pane sospeso non è un gioco, ma la certezza di garantire l'essenziale a tavola per potersi nutrire.

A dare fiducia e operatività nel tempo c'è un coordinamento che si prenderà cura in forma volontaria di gestire sia la parte promozionale sia quella più tecnica, con un controllo periodico delle donazioni e la redistribuzione dei "buoni pane"». Ne fanno parte CampeRuvo, parrocchia Santa Lucia, Azione cattolica San Michele Arcangelo, Associazione nazionale Polizia di Stato sezione di Ruvo, Scout e NoixVoi, tutti a supporto della Caritas cittadina, che resta il luogo di incontro e di aiuto. Il coordinamento è "aperto", perché chiunque, come singolo cittadino o in forma organizzata, può partecipare e contribuire.

L'iniziativa rientra nella rete di Ruvo solidale, voluta e sostenuta dall'Assessorato comunale alle Politiche sociali e già operativa con altre azioni di promozione e sensibilizzazione della città alla cultura del dono.

Oggi i volontari saranno presenti negli esercizi commerciali aderenti e informeranno i clienti e tutti coloro che vorranno conoscere meglio le modalità del Pane sospeso. E' possibile trovare i salvadanai nei panifici Di Vittorio di via Valle Noè, Gadaleta di corso Giovanni Jatta, Cascione di via De Gasperi, De Cillis 2 di via Pier Gobetti e De Cillis di via Aldo Moro 118/A.

Come anticipato da RuvoLive.it la settimana scorsa, testimonial della campagna di promozione e sensibilizzazione è «Masino, storico fornaio della città, che per tanti anni è stato un riferimento per la comunità. Un uomo che, anche dopo la morte, è rimasto nel cuore di tanti ruvesi perché umile e generoso. Anche in tempi non facili, quando poteva cercava sempre di dare qualcosa in più e aiutare chi aveva bisogno», proprio come oggi fa il Pane sospeso.

sabato 4 Marzo 2017

Argomenti

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti